Regno Unito: Normativa sui pagamenti

Home / Blog / Regno Unito: Normativa sui pagamenti

Il panorama britannico dei finanziamenti e dei pagamenti al consumatore è un complesso mosaico di statuti, leggi secondarie, regole e linee guida della Financial Conduct Authority (FCA).

Gran parte del quadro normativo britannico deriva da direttive europee; tuttavia, alcune parti importanti sono normative specifiche del Regno Unito che sono in vigore, in gran parte senza modifiche, dall’introduzione del Consumer Credit Act 1974 (CCA).

Le varie attività regolamentate sono contenute nel Financial Services and Markets Act 2000 FSMA (RegulatedActivities Order) 2001 (RAO).

Per svolgere un’attività regolamentata un’entità deve essere autorizzata dalla FCA.

Il RAO contiene anche una serie di esclusioni ed esenzioni. Una delle esenzioni più comunemente utilizzate è quella relativa allo “scopo commerciale” di cui all’articolo 60C del RAO. Esiste anche una serie di esenzioni per i contratti di credito relativi ai terreni, poiché questi sono prevalentemente regolati dal regime ipotecario del Regno Unito.

Infine, l’articolo 61 del RAO contiene attività regolamentate relative ai mutui. Stipulare un contratto ipotecario regolamentato e l’amministrazione dello stesso, sono entrambe attività regolamentate e richiedono l’autorizzazione della FCA.

Requisiti documentali

Il CCA stabilisce i requisiti informativi che i prestatori devono rispettare, sia nella fase contrattuale che in quella successiva.

I contratti di credito regolamentati devono soddisfare requisiti rigorosi in termini di contenuto e forma, contenuti nella legislazione secondaria. L’inosservanza dei requisiti di forma e contenuto rende il contratto non correttamente eseguito e inapplicabile senza un’ordinanza del tribunale.

Oltre al processo di stipula del contratto, esistono diverse normative che regolano la forma e il contenuto delle informazioni successive al contratto. Ad esempio, il Consumer Credit (Information Requirements and Duration of Licenses andCharges) Regulations 2007 stabilisce i requisiti per gli estratti conto e le informazioni periodiche per i clienti in arretrato; allo stesso modo, il Consumer Credit (Enforcement, Default and Termination Notices) Regulations 1983 stabilisce i requisiti per gli avvisi in cui il finanziatore richiede il rimborso anticipato. Oltre a questi esempi, esistono numerosi altri regolamenti che stabiliscono come e quando devono essere inviate le informazioni ai sensi del CCA.

Il regime normativo che disciplina i pagamenti è meno complesso rispetto al credito al consumo e si basa interamente su direttive e regolamenti europei.

I requisiti normativi per i pagamenti sono contenuti principalmente nei Payment Services Regulations 2017 (PSR), che attuano la seconda direttiva europea sui servizi di pagamento (PSD2).

I Regolamenti sulla moneta elettronica del 2011 (EMR) attuano la seconda direttiva europea sulla moneta elettronica (EMD2) e prevedono un regime di licenze per gli istituti di moneta elettronica (IME), che emettono moneta elettronica.

Il Payment Accounts Regulations 2015 (PARs), che implementa la direttiva europea sui conti di pagamento, sono anch’essi rilevanti. Il regolamento introduce nuovi requisiti per la fornitura di un documento informativo standardizzato sulle commissioni per tutti i conti di pagamento, consentendo ai consumatori di confrontare più facilmente le commissioni.

Oltre al quadro normativo specifico per i prodotti descritti sopra, tutti i fornitori di servizi finanziari devono rispettare una serie di regolamenti “orizzontali”.

Quando un’impresa ha a che fare con un “consumatore”, deve rispettare il Consumer Rights Act 2015 (CRA). Per “consumatore” si intende una persona che agisce per scopi che esulano totalmente o principalmente dalla propria attività commerciale, imprenditoriale, artigianale o professionale. Quando un’impresa stipula un contratto con un consumatore, deve assicurarsi che le condizioni non siano “abusive”. Una clausola abusiva è quella che “contrariamente al requisito della buona fede, provoca un significativo squilibrio nei diritti e negli obblighi delle parti ai sensi del contratto a scapito del consumatore”. Se una clausola è ritenuta abusiva, non è vincolante per il consumatore.

Analogamente, le imprese regolamentate devono rispettare i requisiti di on-boarding e di monitoraggio continuo previsti dalle MoneyLaundering, Terrorist Financing and Transfer of Funds (Information on the Payer) Regulations 2017 (MLRs) e dal Proceeds of Crime Act 2003 (POCA). Nel loro insieme, queste norme impongono alle imprese di effettuare controlli sulla “conoscenza del cliente” al momento dell’avvio di un rapporto d’affari con un nuovo cliente, nonché di monitorare i conti e le transazioni alla ricerca di attività sospette. In caso di sospetti, l’azienda deve avvertire la National Crime Agency presentando una segnalazione di attività sospetta. L’azienda non può gestire i fondi finché la National Crime Agency non ha avuto la possibilità di indagare sul pagamento.

Pagamenti

I pagamenti sono stati regolamentati per la prima volta nel Regno Unito nel 2009, quando sono stati introdotti i regolamenti originali sui servizi di pagamento, che hanno attuato la prima direttiva europea sui servizi di pagamento (PSD1).

Dopo il 2009, l’uso del digital banking e del mobile banking, così come di altri servizi di pagamento innovativi, è aumentato in modo significativo. Ciò ha reso la PSD1 un po’ obsoleta e ciò ha portato alla successiva sostituzione del regime nel 2018 con la PSD2 e i PSR, che sono stati progettati per adattarsi ai cambiamenti tecnologici e di comportamento dei consumatori.

Sia la PSD1 che la PSD2 contengono requisiti di condotta dettagliati per i PSP. Ad esempio:

  • I PSP devono fornire specifiche informazioni precontrattuali prima di stipulare un contratto quadro per più pagamenti (come un contratto di conto corrente) o di eseguire un singolo pagamento;
  • I PSP devono anche fornire o rendere disponibili informazioni sulle transazioni, ad esempio sotto forma di rendiconti mensili;
  • i pagamenti devono arrivare al beneficiario entro un tempo specifico. Di solito si tratta della fine del giorno lavorativo successivo a quello in cui il pagatore ha dato le istruzioni per il pagamento, ma può essere più lungo se il pagamento avviene al di fuori del SEE o in una valuta diversa dalla sterlina
  • vi sono disposizioni dettagliate sulla responsabilità per le transazioni non autorizzate e per quelle eseguite in modo scorretto dal PSP; e
  • le modifiche o la risoluzione di un contratto quadro per i servizi di pagamento sono soggette a tempi minimi.

La PSD2 ha introdotto due nuovi servizi di pagamento: i servizi di avvio dei pagamenti (cioè l’avvio dei pagamenti dal conto online di un cliente) e i servizi di informazione sul conto (che forniscono informazioni aggregate su una serie di conti online). Questi servizi sono definiti collettivamente “servizi di pagamento di terzi” offerti da “fornitori terzi” (TPP).

Alcuni clienti possono beneficiare del sistema di protezione dei depositi del Regno Unito, il Financial Services Compensation Scheme (FSCS). Questo sistema protegge i depositi fino a un certo importo in caso di fallimento dell’istituto di deposito.

image_pdfDownloadimage_printPrint