Regno Unito: tourism, leisure and family visit visa

Home / Blog / Regno Unito: tourism, leisure and family visit visa

Il Visto turistico, tempo libero e visita ai familiari è una sottocategoria dello Standard Visitor Visa ed e’ destinato a persone che desiderano recarsi nel Regno Unito per un soggiorno di breve durata allo scopo di visitare amici e/o familiari o per una breve vacanza.

Le Regole sull’Immigrazione prevedono 4 tipi di Visitatori:

  • Visitatore standard: per coloro che intendono svolgere le attività consentite indicate nell’Appendice Visitors: ad esempio turismo e visite a parenti di solito per un massimo di 6 mesi. Un Visitatore standard può richiedere un visto di visita con validità di sei mesi, due, cinque dieci anni, ma ogni soggiorno nel Regno Unito non deve superare la durata consentita indicata sul visto di visita (di solito sei mesi).
  • Visitatore per matrimonio/unione civile: per coloro che desiderano venire nel Regno Unito per sposarsi, costituire un’unione civile, o per notificare il matrimonio o l’unione civile.
  • Visitatore che deve svolgere attivita’ retribuita: per gli esperti del loro settore che vengono nel Regno Unito per svolgere specifici incarichi retribuiti per un periodo massimo di un mese.
  • Visitatore per transito: per coloro che desiderano transitare nel Regno Unito per recarsi in un altro Paese al di fuori dell’Area Comune di Viaggio e che entreranno nel Regno Unito per un massimo di 48 ore, sempre che non si applichi l’Appendice Visitor: Transit Without Visa Scheme.

I requisiti generali per ottenere un visto turistico di questo tipo sono generalmente i seguenti:

  • Essere qualificato come visa-national (cittadini che, al contrario dei non-visa national, devono richiedere ed ottenere un visto per ogni ingresso nel Regno Unito);
  • dimostrare la reale intenzione di entrare nel Regno Unito per uno scopo consentito dalle regole per il visto;
  • non intraprenderete alcuna attività vietata;
  • disporre di risorse sufficienti per coprire tutti i costi ragionevoli relativi alla visita (compresi i costi di viaggio, mantenimento e alloggio) senza dover lavorare o accedere a fondi pubblici;
  • lasciare il Regno Unito al termine della visita;
  • non risiedere nel Regno Unito per periodi prolungati attraverso visite frequenti o successive, né fare del Regno Unito il proprio domicilio principale;
  • la richiesta di visto non deve essere soggetta a rifiuto in base ai generali requisiti.

Il Regolamento sull’immigrazione Appendice Visitatori contiene un Elenco dei Paesi con obbligo di visto e che devono richiedere l’autorizzazione all’ingresso in anticipo (salvo alcune eccezioni). I requisiti del visto per turismo, tempo libero e visita di famiglia devono essere soddisfatti anche dai cittadini che non necessitano di possedere un visto turistico per entrare nel Regno Unito (non-visa nationals). La sussistenza dei requisiti verra’ valutata alla frontiera da un funzionario dell’immigrazione.

Il richiedente che vuole presentare domanda per il visto deve utilizzare l’apposito modulo online, pagare la relativa tassa e fornire i dati biometrici. Tutte le richieste di autorizzazione del visto devono essere fatte al di fuori del Regno Unito.

Motivi generali di rifiuto

Il richiedente deve considerare le disposizioni contenute nella Parte 9 del Regolamento sull’immigrazione che riguarda in generale la criminalità, i motivi idonei, la falsa rappresentazione e l’inganno, le violazioni precedenti e altri motivi discrezionali. Alcuni motivi sono obbligatori e altri discrezionali. È importante assicurarsi di rispondere accuratamente a tutte le domande del modulo e di fornire informazioni complete. Qualsiasi informazione falsa può portare a un rifiuto e a un divieto, il che significa che ulteriori richieste di ingresso nel Regno Unito verranno rifiutate. Inoltre, il richiedente che sta presentando la domanda, non deve aver violato le leggi sull’immigrazione o trovarsi in libertà provvisoria.

Il richiedente deve dimostrare di essere un visitatore effettivo (genuine visitor).

Le linee guida per la gestione dei casi fanno riferimento a una valutazione delle circostanze personali del richiedente, tra cui i seguenti elementi:

  • i precedenti in materia di immigrazione, compresi i soggiorni nel Regno Unito e in altri Paesi
  • la durata dei precedenti soggiorni e se questa è stata significativamente più lunga di quanto dichiarato originariamente nella domanda di visto o all’arrivo – in tal caso, non si deve presumere automaticamente che il visitatore non sia affidabile, ma questo può essere un motivo per mettere in dubbio le intenzioni generali del richiedente
  • la sua situazione finanziaria e il suo background familiare, sociale ed economico
  • i suoi legami personali ed economici con il Paese di residenza
  • il periodo cumulativo di tempo in cui il richiedente si è recato nel Regno Unito e le sue abitudini di viaggio negli ultimi 12 mesi, e se ciò equivale a una residenza “de-facto” nel Regno Unito
  • se, sulla base di un’analisi delle probabilità, le informazioni e i motivi del viaggio o del prolungamento del soggiorno forniti dal richiedente sono credibili e corrispondono alla sua situazione personale, familiare, sociale ed economica.

La guida prosegue indicando i motivi per cui si può dubitare sui requisiti di una persona, tra cui:

  • il richiedente ha pochi o nessun legame familiare ed economico con il suo paese di residenza, e ha diversi familiari nel Regno Unito – ad esempio, una persona che ha la maggior parte della sua famiglia nel Regno Unito e non ha un lavoro o uno studio nel proprio paese può essere considerata come se avesse pochi legami con il suo paese d’origine
  • il richiedente, il suo sponsor (se è in visita a un amico o a un parente) o un altro familiare stretto hanno ingannato, o tentato di ingannare, l’Home Office in una precedente domanda di permesso di ingresso o di soggiorno
  • ci sono discrepanze tra le dichiarazioni del richiedente e quelle dello sponsor, in particolare su circostanze su cui quest’ultimo avrebbe dovuto ragionevolmente essere a conoscenza dei fatti
  • non è stato possibile verificare le informazioni fornite dal richiedente nonostante i tentativi in tal senso
  • le informazioni fornite o i motivi della visita dichiarati dal richiedente non sono credibili
  • la perquisizione del bagaglio e del veicolo del richiedente al border rivela oggetti che dimostrano la sua intenzione di lavorare o vivere nel Regno Unito.

Per dimostrare questo requisito è necessario fornire tutti i dettagli dei legami con il Regno Unito, finanziari e personali, nonché dei legami con il proprio Paese d’origine.  Le prove possono assumere diverse forme, tra cui dichiarazioni e lettere a sostegno e spiegazione di prove documentali provenienti da varie fonti.

Durata del visto

È possibile richiedere un visto di visita di lunga durata, fino a 2 anni, 5 anni o 10 anni con la possibilità di entrare e uscire dal Regno Unito in più occasioni durante il periodo di validità, a meno che il visto di visita non sia stato approvato per un unico ingresso. È necessario assicurarsi che ogni visita non superi i 6 mesi dalla data di ingresso. Se non c’è un motivo costante per visitare il Regno Unito, si può considerare la richiesta di un visto di visita di 6 mesi.

Anche se la domanda riguarda un visto di visita a ingresso multiplo a lungo termine, potrebbe essere concesso solo uno di breve durata. La guida infatti prevede che sia possibile rilasciare un visto di durata più breve se, pur soddisfando il richiedente le norme sui visitatori relative al visto, vi sono dei dubbi sulla necessita’ del rilascio di un visto di lunga durata.

Non è previsto un periodo massimo di permanenza nel Regno Unito nell’arco di 12 mesi (purché non si superino i 6 mesi da ogni ingresso), ma è necessario fare attenzione a non far diventare il Regno Unito il proprio domicilio attraverso visite successive. Tuttavia, se dalla storia di viaggio di un richiedente risulta chiaramente che questi sta cercando di rimanere nel Regno Unito per periodi prolungati o di trasferirsi stabilmente nel Regno Unito, la  domanda verrà rifiutata.

Il fatto che a un richiedente venga concesso un visto per visite di lunga durata a ingresso multiplo non significa che gli venga garantito l’ingresso ogni volta che arriva nel Regno Unito. La sua situazione può essere valutata alla frontiera e si consiglia di portare con sé prove relative a qualsiasi situazione attuale. Verranno in questa sede valutate le reali intenzioni del richiedente.

Mantenimento e alloggio

Come parte dei requisiti, il richiedente deve  dimostrare di avere fondi sufficienti per mantenersi nel Regno Unito. Il sostegno può essere fornito da terzi, tra cui i membri della famiglia, i familiari e altre persone con cui il richiedente ha un vero e proprio rapporto personale o professionale.

image_pdfDownloadimage_printPrint